Tanta carne al fuoco

Ruini che attacca Bertinotti dicendo che non deve permettersi di criticare il papa, e sproloquia di una presunta lobby gay (magara!!!). Berlusconi e la CdL che insultano i senatori a vita, compreso il “loro” Andreotti, per il banale fatto di aver esercitato il proprio diritto di palramentari e votato la fiducia al governo.
Nonostante il mio istinto mi spinga a bruciare la prima chiesa cattolica e il primo elettore di destra che mi capitino sotto mano, voglio credere che questi sbroccamenti siano un chiaro sintomo della perdita di potere dei soggetti strepitanti. Anzi, mi permetto di indulgere nel sogno di vedere il nano incarcerato per i reati da lui commessi, e Ruini e Ratzi e ramazzi azzittiti di fronte al numero di etero, quelli che prima o poi finiscono per sposarsi (per la serie “o mangia questa minestra o salta dalla finestra”Smilie: ;), che adersicono entusiasticamente ai PACS da poco approvati.
Sogna Gil, sogna…

(tra l’altro, ora che ci penso, mi chiedo perché i cattolici possano fare lobby e i gay no… mah)

Categoria(e): Gaja scienza, Kloro al klero, Me, myself and I, Politica

5 commenti a Tanta carne al fuoco

  1. Almeno potevi scrivere:
    “o mangia questa finestra o salta dalla minestra” ;-Þ

  2. Ero indeciso se moderarti o no, poi, una volta tanto, ha prevalso la bontà in me Smilie: :-P Smilie: :-P

  3. “Nonostante il mio istinto mi spinga a bruciare la prima chiesa cattolica e il primo elettore di destra che mi capitino sotto mano, voglio credere che questi sbroccamenti siano un chiaro sintomo della perdita di potere dei soggetti strepitanti”

    Per fortuna non hai detto “bollirli”

  4. Ma prima di subire la tentazione di moderarmi hai almeno riletto la frase che hai scritto? Smilie: ;-)

  5. Non accetto lezioni di tagliano da chi scrive “albitro”, tsk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.